Grammar Nazis On The Loose

Io e il mio amico Jean*, a metà tra il volontariato e l’etologia. Eccoci, nostro malgrado, in azione:

==> BEWARE! HERE BE BIMBEMINKIA! <==

* lo lovvo!

Annunci

73 thoughts on “Grammar Nazis On The Loose

  1. Ah ah ah! Ci mancava solo più la carezza compassionevole alla spalla della bimbaminkia a fine commenti.

  2. XD ma è assurdo…
    bello quando getta la spugna “va be fa nnt dai…”

    se solo sapesse…muahahahahahahahahhahahah
    questa era cattiva.

    Bacissimi
    Momo

  3. Ahaha, che risate!!
    Jules, però concludere con “appagantissima” mi sembrava un po’ troppo… palese!
    Povera bimbaminkia… era confusa, cucciola! Anche se, a 16 anni…

  4. Ho bisogno di voi!!!!

    Essendo un poco malato (la densità dei miei post, forse, è un indizio del mio pietoso stato…. nonchè il loro svolgersi sconnessi et deliranti…) ieri sera purtroppo non avevo la forza di fare nulla, tranne che giacere (da solo) a letto….

    Essendosi (che bella ‘sta cosa del gerundio) rotto il telecomando vocale (tanto sono quasi afono) non ho avuto la forza di cambiare canale… (ok, la scusa non regge… ma la debolezza causata dallo stato c’entra sicuramente qualcosa…)

    Insomma… mi son visto ampi spezzoni di “Bulli e Pupe”… cioe’… “La Pupa ed il Secchione 2″… ho una sola domanda…. vedendo anche “Mai dire pupa” (la malattia rende insonni, questo si!) ed i casting (si presume seri) che sono stati fatti alle fanciulle….

    Vi prego!!!
    Ditemi!!!

    Ma le tipe in questione, anche alle prese con “banali” casting..

    sono davvero così???

    Passi la “cultura”… non si puo’ sapere tutto (come la Valeriana), specie se non si è più freschi di scuola, se ci si dedica quelle 12/13 ore al giorno ad un lavoro molto specifico et stressante…. ma…. quantomeno capire quello che ti viene chiesto…. del tipo “di che colore era il cavallo bianco di Tizio???”

    Aiutatemi!!!

    (il post è veramente molto più IT del previsto…)

    Vi pregoooo!!!

  5. P.S.

    La Titolare è forse “sedicente”, o mi sono sbagliato, in preda al delirio della malattia????

  6. IO sono in preda al “delirio…etc….”
    E si vede!

    No, La Titolare, nelle mie pristine intenzioni, avrebbe dovuto essere solo “sedicente”…

    Come non detto, comunque… ;-) avevo letto un commento sagace, altrove… e avevo erroneamente collegato dei concetti volti ad affibbiare la maternità del tutto alla Titolare…

  7. Nonostante io sia molto sgangherato, sono sempre, orribilmente, in topic…

    Il fraintendimento di cui sopra, infatti, è da addebitarsi principalmente (ma in massima parte soprattutto alla mia pessima forma scritta dovuta all’orrenda forma fisica attuale) alla errata posizione di una virgola…

    Comunque come non detto.. mi serve aiuto per la cosa di cui sopra (3/4 post sopra)! Please!

  8. Mi rifiuto di guardare quel programma, non ne ho mai visto nemmeno un fotogramma, non posso aiutarti. Lascio la questione agli altri commentatori.

    (L’OT, da queste parti, è ammesso e incoraggiato)

  9. trasliamo sul topic, allora…

    IYHO: tipe del calibro della “Bimba” citata, esistono davvero, nella normalità? Oppure, come a me in questi giorni, certi “incidenti” capitano solo quando si è un po’ malati e/o stanchi e/o sotto stress e/o presi molto alla sprovvista?

    Generalizzando ancora di più: possono esistere fanciulle carine, ciofani, “alla moda”, dedite alla cura di se stesse e allo “sciopping”, ma che capitolano di fronte a domande del tipo:

    “qual’è il risultato della seguente operazione 18:3 ????”

    oppure “La Prima e la Seconda Guerra Mondiale: dimmi un poco le date, insomma il periodo più o meno”

    e : “Chi era Napoleone? Se avesse dovuto recarsi nella propria capitale, in quale città sarebbe andato? Qual’e’ la capitale della Francia???”

    Infine: “Il 25% di 100 e’…???”

    Il tutto, mi sembra, è BEN più grave della mancata “percezione”, per quanto significativa, della funzione della virgola in un determinato periodo….

  10. Secondo me devono fingere, per contratto, la più totale demenza, visto che c’è gente che sembra trovare la cosa divertente. Io preferisco l’idiozia spontanea e inconsapevole, anzi, boriosa.

    Detto questo, ricordo un mio compagno delle medie che piangeva disperato mentre la prof tentava di fargli dire quanti lati avesse la stanza nella quale ci trovavamo. Cinque, diceva lui.

    (Ne ho tutta una raccolta, di strafalcioni delle medie. La compilavo con un mio amico)

  11. Eri già precoce, eh? ;-)

    Anche secondo me devono fingere… non trovo altre risposte…. oltre al sesso (sbav!), alla viuuuuulenza (verbale = “litigi nei realiti”), l’altra cosa che “vende” di più in TV è la falsa, sbandierata, “oco-deficienza” (col bonus “tette”)…. suppongo rientri nel filone: “…meno male che c’e’ qualcuno che spara perfino più cavolate di me….” o: “.. guarda quanto è cretina quella!!! [sottinteso: io sugnu multu più intelligenta!!!]…”…..

    E’ una cosa che da’ un immenso potere!

  12. @Miconsenta
    esistono, sì.
    Solo qualche mese fa passeggiavo per le vie di Modena con il mio consorte e assistemmo alla seguente scena:
    2 bimbeminkia 15enni o giù di lì, appoggiate al muro ai lati opposti del vicolo, una delle 2 era accompagnata da moroso tamarro e una no (era infatti attaccata al cellulare per non sembrare il reggilume della situazione).
    Le due si parlavano a voce alta da un lato all’altro della strada, incomprensibilmente.
    Dialogo.
    Bimbaminkia+cellulare: (scrivendo un sms) “oh, ma stomaco com’è che si scrive Vale? con l’acca o senza?” (!!!)
    Bimbaminkia+tamarro: “Ma seee, si scrive con l’acca, IGNORANTE!” (!!!!!!!)
    Tamarro: “Sì dai è una roba da elementari!” (!!!!!!!!!!!!)

  13. Incredibilmente, stavo ancora pensando all’argomento (devo ammettere che mi sta distraendo dai miei acciacchi e mi sento anche un poco meglio!), non per “vantarmi” di sapere che “stomakho” si scrive correttamente come ho appena fatto, ma per chiedermi seriamente come possa accadere questo, visto che in Italia un po’ di squole (ehehe non sono riuscito a fare finta di nulla) ci sono… Io non sono più un giovincello… pero’… non ho finito di studiare (dicono non si finisca mai, in effetti…) nel 1912… eppure a noi facevano un “sederino” tanto… edera un liceo pubblico!!!

    Comunque era un buon classico: c’erano i soliti “ripetenti quasi pensionati”, i classici “bulli e pessimi elementi”….. ma devo ammettere che, in confronto a quello che si vede e sente adesso, erano dei “lord” inglesi!!!! Lo stesso dicasi per le “belle oche”… in realtà le ragazze carine erano tra le più studiose e di vere e proprie “oche” non ce n’erano…

    Devo per forza sentirmi così vecchio? O “disperato”?

  14. @MiConsenta: io vivo senza tv, per esempio, a parte nel week end qualcosa su History C.
    Si può leggere, surfare sul web…dedicarsi a hobbies vari…per passare una buona serata.

    Ma la tv spazzatura no…come si fa a reggere un programma di papi, uno pseudoreality…o la filippa…dai….
    Questa programmazione è progettata per lobotomizzare…è chiaro. Serve ad abbassare il livello di interesse e curiosità verso il nuovo in chiunque vi posi gli occhi per una settimana.

    I pochi stralci di Tv che ho subito durante la cena (mia sorella detiene il potere del telecomando):
    -La pubblicità del formaggio in cui il padre dice al figlio “non lo so!”come risposta alla domanda ‘cos’è la via lattea’ –> Grave.
    -Al milionario fanno domande (spesso, ultimamente) davvero cretine.
    -E non fanno più un documentario che sia uno, un po’ carino…Anche Pieroangela o il figlio…che fine hanno fatto??

    Per fortuna americani e BBC vengono in Italia a far documentari sulla nostra storia (o fatti di cronaca) che poi vengono tradotti su History channel.
    Paradossale, ma è l’unica maniera per averne.

    @eugenia: avrei voluto esserci anch’ io XD hihihihihihhiihihi

    bacetti
    Momo

  15. Una stanza non ha lati, al massimo ha qualche spigolo, un numero indefinito di vertici ed un kilo/kilo e mezzo di facce (con la “i”) (era la tua prof la ‘gnurante!).

    E sthomaco si scrive così. Con la theta. Al posto della emme.

  16. Facce! Facce, diamine, facce. Mi scuso con voi e con la geometria solida.

    (Ecco, in geometria sono ferrata tanto quanto la tizia di ieri è ferrata nell’analisi logica)

  17. @Momo:
    Posso vantare una certa multiculturalità familiare, e ti posso confermare che i documentari più belli (e veritieri) che abbia mai visto sull’Italia sono quelli trasmessi sui canali inglesi (ahimè, soprattutto satellitari).
    La tv italiana mi sta davvero facendo girare le pelotas. Quando visitano le mie sorelle (non esattamente sorelle, ma lasciam perdere, non è luogo di discutere del mio albero genealogico), la domanda tipica che mi fanno è: “ma ci sono solo tette e culi nei vostri programmi?” (oltre a “ma Berlusconi è immortale?”) e io, sinceramente, non so mai cosa rispondere…

    Non c’è da sorprendersi se i cervelli italiani (quei pochi che ci sono) fuggono a gambe levate verso lidi migliori. O verso il blog della Titolare. (ghghgh)

  18. mmm credo che la prof “ignorante” volesse prendere spunto dalla stanza per interrogare circa un quesito di geometria piana. prendendo spunto dalla base su cui ci si appoggia…
    Suvvia…XD la base è un poligono!

    comunque rallegratevi: ho visto stanze con le colonne nel mio liceo! lì si che le cose si complicano… !!

    Momitolo

  19. No, ragazzi, l’ignorante sono io! La professoressa aveva chiesto quante facce ci fossero, ovviamente, i lati sono saltati fuori nel mio erroneo resoconto. :-)

  20. Oh!

    Ho cambiato terapia, mi sento meglio… :-P

    1) Berlusconi c’è!

    2) In realtà anche gli Angela ci sono (sabato sera nuova serie di “Passaggio a nord ovest” su [brrrrrr] Rai3 e qualche replica qua e la la domenica pomerigghiu su rai uno o due – non ricordo)

    3) non è solo una questione politica (perdonatemi, ma, sarà lo stato di alterazione da malattia comunque ancora presente, non riesco a non cogliere un implicito collegamento “una certa parte politica ora al governo = tv spazzatura”) se la tv odierna, in Italia, lascia cosi’ “a desiderare”… è una questione di cul-tura generale e tutti, più o meno, ne hanno la responsabilità, non solo il “povero” Silvio.. anche perchè, se cosi’ fosse, verrebbero meno tutta una serie di considerazioni sull’autonomia della cultura, sulla reale intelligenza della societa’ che, non si sa bene come mai, arriva ad esprimere un “tale governo”, nonostante ci sia tanta cultura, e bla e bla….

    Perdonate il tutto… non giustifico il mio sfogo solo causa malattia & varie… se la tv è spazzatura (in buona parte) è un po’ colpa di tutti, come ho detto… specie in tempo di crisi, si riesce a produrre solo quello che si sa già che vendera’ bene senza troppi sforzi… e quello che vende è dettato da una delle forme più basilari (ancorchè criticabili) di “democrazia”… quella del telecomando… ;-)

    Il problema grosso è dato dalle “bimbominkiate”, da sparate così grosse che si fa fatica a capire e che non sono del tutto giustificate solo da una mancanza di cultura (nessuno “nasce imparato”), ma da una mancanza di logica, di un minimo senso comune… di cose proprio “elementari”, appunto!

    Per creare un guaio così grosso ci vogliono anni, ma anni ed anni… anni di mala-gestione scolastica, anni di mala-educazione (da parte delle famiglie, di qualsiasi orientamento politico), di mala-televisione (commerciale e pubblica) e mala-riflessione da parte di pseudo-intellettuali (ambopartitici)..

  21. Sono d’accordo con te. Parlo solo per me (medesima), ma il mio commento non era mirato a cercare un collegamento tra la tv spazzatura e l’attuale governo.
    Dopotutto ‘ste ca…volate in televisione ci sono da parecchi anni. Però la cosa sta degenerando e, come hai sottolineato, se ci si aggiunge anche la mala-educazione/-gestione scolastica e così via… Siamo messi proprio male.
    La causa non risiederà nel governo attuale, ma quelli che giocano a fare i capi (parlo in generale, sia del governo che dei media) dovrebbero svegliarsi e cercare di cambiare la situazione. O insomma, almeno provarci.
    Altrimenti rischiamo un’invasione di bimbiminkia in stile “attacco degli zombie assassini”. E io non voglio un’invasione di bimbiminkia. Ad essere proprio sincera preferisco gli zombie.

  22. Riassumendo agli italiani piace vedere e parlare di culinaria.

    Tanto per restare in tema mettete voi un paio di spazi e una vocale in piu` (ci starebbe bene un disegnino ma non li so fare)

  23. Le chiappette volanti non sono l’unico interesse italiano… questo no.

    Ma è “un attimo” lasciarsi andare e perdere di vista un minimo di logica ed equilibrio. Non si tratta di “snobismo” culturale… la culi-in-aria, a piccole dosi, ci starebbe pure bene… ma A PICCOLE DOSI e, soprattutto, in un panorama socio/cultural/economico/scolastico capace di distinguere, di apprezzare e di considerare col “giusto” peso tali UFO…

    La “Culinaria” quando in tv non c’e’ altro, quando nelle squole (!) succedono certe cose, quando gli adolescenti ignorano (per davvero, senza obblighi contrattuali) anche quel minimo, minimo, minimo di cul-tura generale…. allora si che è un danno!

  24. @MiConsenta: mi dispiace, ma non sono per niente d’accordo con te. La responsabilità dell’attuale Presidente del Consiglio e delle sue televisioni nell’imbarbarimento della cultura popolare italiana e, più in generale, nella decadenza della qualità dei programmi della tv in chiaro è evidente ed ampiamente documentata (vedi, primo fra tutti, il libro dello storico Paul Ginsborg del 2004). Non è il solo a detenere tali responsabilità, ma è il principale indiziato.

  25. Rispetto le opinioni, anche se, a ma volta, reciprocamente disaccordo!

    Mi permetto solo di far notare che, per delle tv commerciali (e quella di essere appunto commerciali, coi pregi e difetti relativi, ovviamente guardando piu’ ai difetti, è sempre stata la principale accusa ad esse) sarebbe la morte economica mandare in onda qualcosa che non sia fortemente gradito agli spettatori…. aggiungiamo che fare della cultura, insomma almeno della decente cultura (al limite, davvero al limite mettere almeno freno alla culinaria sfrenata) non sarebbe certo più costoso del contrario…

    Consideriamo poi che, specie in tempo di crisi sarebbe addirittura ridicolo, in una tv commerciale, spendere tanto in pu bblicità (anche solo sottraendo spazi ai clienti esterni paganti), per cercare di “spingere” cose che non incontrano il gradimento (tant’è che, spessissimo si “sfumano” interie serie o addirittura “show” perchè non c’è verso di avere sufficiente audience) della maggioranza…. il tutto ovviamente al fine di garantire un tot di visibilità alla pubblicità e quindi introiti per l’azienda…

    Secondo me, quindi, se non totalmente innocenti, tali tv commerciali non possono essere più di co-responsabili del “problema”.

    Il vero punto “dolente” più che altro è che chi si dovrebbe opporre (non al governo per puro pregiudizio politico, ma alla totale ed insensata culinaria per logica et decenza universali) in realtà parla, parla, ma poi, per convenienza, per vari motivi, preferisce che le cose restino come sono… vuoi perchè non sono solo i “pericolosi neonazifascisti di destra” del pdl (poveracci! :-) ) a volere il “popolo rintronsto, vuoi perchè è intelletualmente meno faticoso opinionizzare sulla culinaria piuttosto che occuparsi seriamente di cultura vera…. etc etc….

    E qui ci metto dentro un po’ tutti gli esponenti dell’estabilishment culturale attuale… o almeno quelli che vanno semper in tivvu’…. in perfetta par condicio… :-P

    del resto, si sa: “.. pecunia non olet..”

  26. Vabo allora guardatevi Idiocracy e rendetevi conto di chi sia veramente la colpa (it’s evolution baby!!!)

    P.S.: omòloga et impera; semplice, no?

    E ora basta, stiamo inficiando la spensieratezza di questo blog con questi argomenti seri!
    I bimbominkia ci sono, ridiamone! (tanto lo siamo pure noi per qualcuno di più culturalmente elevato, basta saperlo)

  27. io però so contare le dita dei miei piedi, ci metto un po’ di tempo, uso la calcolatrice, ma due volte su 3 riesco ad ottenere un risultato corretto….

    Su queste cose, almeno, non si puo’ e non si deve transigere… la vera cultura è molto altro e molto di più, lo so… ma almeno questo è dovuto……. :-)

    (nessuno che mi abbia risposto al “cosa dobbiamo fare stasera, senza la tv” col classico ” quello che facciamo tutte le sere: tentare di conquistare il mondo” o similia…… poverino me…)

  28. @MiConsenta: è sottinteso. Noi tentiamo di conquistare il mondo on any given day.

    @Tutti gli altri: stamattina ho letto un’intervista alla Gelmini che mi ha fatto ribollire il sangue nelle vene. Sto meditando di farci un post. E’ la volta buona che mi trascinano via in ceppi. Comunque, se la quasi totalità dei ministri attuali mi suscita il desiderio viscerale di sputare loro in faccia, alla Gelmini darei anche un ceffone. Ma forte, eh. Da lasciarla sbigottita, lei e la sua faccia di cazzo e il suo esame di abilitazione a Reggio Calabria.

  29. Titolare: per la questione del congedo di maternità?

    Sinceramente nemmeno io condivido la sua opinione. Poi ci si domanda perchè gli italiani no fanno + figli….

    Però non ceffonizzo e non sputacchio (questa potrebbe essere addirittura considerata aggressione con armi batteriologiche… :-P ) in faccia a nessuno.

    Primo non è corretto, secondo fa perdere peso alle proprie idee anche quando sono giuste….

    Non sono d’accordo col ministro perchè… beh il perchè è evidente: per una famiglia normale è gia’ un vero e proprio miracolo riuscire a cavarsela con tutti i benefici di legge… figurarsi senza!!

    Non tutti possono permettersi il supporto medic, materiale, economico e morale che può avere un ministro della repubblica, o una persona comunque molto importante ed economicamente ben “dotata”…

    Poi, ovvio, se una donna riesce e desidera tornare al lavoro prima del tempo, qualunque sia il lavoro, ha tutto il diritto di farlo, ma ciò non deve essere l’ennesimo peso sulle spalle… senno’ davvero addio Italia….

  30. Non ho detto che lo farei: ho detto che è precisamente il desiderio che mi suscita. So controllare i miei impulsi, più o meno.

    Prima ho letto una cosa azzeccatissima: quella tizia è come Maria Antonietta, salvo che lei “che mangino brioches” ha avuto il coraggio di dirlo davvero. E’ una privilegiata che si porta ad esempio di virtù e forza d’animo, la cosa più odiosa che mi venga in mente.

  31. Ora però non allarghiamoci e non diciamo che è l’ennesima pietra sul cumulo (anzi sul tumulo) degli italiani, lanciata dal Governo B. (Sorgente e Origine di tutti i mali, comprese le unghie incarnite e l’alitosi).

    IMHO si tratta di una opinione, resa in maniera forse infelice (non so quanto il tutto sia stato riportato fedelmente o quanto “lavoro” giornalistico ci sia sopra), anzi sicuramente infelice, ma da verificarne ancora la reale ed intesa portata, nonchè il contesto.

    Questo NON per difendere, ma per ricordare che una cosa sono le opinioni, infelici quanto vuoi, e comunque tutte da verificare, e un’altra cosa sono le scelte legislative. Non lasciamoci trasportare, specie se poi la cosa dovesse essere stata riportata “male”…. per errore, per puro, comprensibile, errore “giornalistico” casualmente accaduto… ;-)

  32. Se mi dici che la Gelmini è un bravo ministro, io, che l’anno scorso ho passato tutte le vicissitudini di una maturità organizzata e gestita ALLA CAZZO dal suo ministero, stavolta ti banno sul serio. Per manifesta idiozia.

    (Per dire, se si fossero ricordati di ricalibrare la soglia dell’attribuzione del bonus dopo aver cambiato le modalità di distribuzione dei punti avrei preso 94, e invece cicca – ma dico, cosa gli costava?)

  33. Per una volta (a parte il controllo degli impulsi, qui stiamo aspettando avidi la foto anche dell’altro calzettone per poterci un po’ “svagare” :-P ) sono abbastanza d’accordo con la Titolare SUL PRINCIPIO e non sulla forma… ;)

    Diciamo che il punto di vista della persona in questione può senza dubbio giustificare una opinione personalissima, tutt’alpiù una semplice esortazione (rivolta alle fortunate che possono davvero anche solo permettersi di pensarci)….. non certo come un indirizzo politico o come una “vanteria” o dimostrazione di virtù eroiche (personali).

  34. Titolare!

    Non ho mai detto una cosa simile. Ho detto quello che ho detto (e non detto quello che non ho detto) non certo per timore di ban, ma per convinzione. Ma ti risparmio il “corpus” delle mie (ragionate) convinzioni sul “ramo” squola & affini (!)

  35. Sì, ma il fatto di votare uno che nomina ministro una tizia che non ha fatto una cosa giusta neanche per sbaglio né come ministro né dal punto delle esternazioni “personali”, una che si fa bandiera della meritrocrazia MA ha preso l’abilitazione a mille km da casa perché era più facile, non ti turba un minimo?

    (Se tu fossi una donna, penserei che tu sia mia madre. Diamine, siete uguali)

  36. non resisto!

    IMHO per risistemare scuola, giustizia e sanità, in Italia, bisognerebbe fare un bel “hard reset”.

    (con qualche, ma solo poche, pubblica esecuzione – impiccagione – in piazza)

    E, dopo, ripartire da zero. Questi tre settori non sono completamente ” a bagno” solo per la costante “doccia” di soldini (nonostante crisi & tagli) che c’e’ sempre stata e perche’ ci sono (purtroppo non si arriva alla maggioranza) un certo persone davvero in gamba che si “sbattono”….. senno’ tra incapaci (errori, ritardi e sprechi) e veri e propri disonesti (corruzione e ruberie), sarebbe gia’ tutto finito… Non “basta” un singolo ministro per migliorare (o peggioare) piu’ di tot ognuno di questi ambiti…. purtroppo o per fortuna….

    finchè TUTTI gli italiani (politici, noi cittadini, utenti ed addetti ai settori) non decideranno di smettere di raccontare (soprattutto raccontarsi) balle, si andra’, nella migliore delle ipotesi, sempre in questo modo…. bisogna guardare la realtà in faccia ed essere onesti con se stessi, anche se non è sempre facile e se non è sempre tutto a nostro favore…

  37. Titolare:

    era una constatazione positiva o negativa o solo strana? ;-)

    Ma e’ lei la tale “Jull” che imperversa sul sito valeriano? ;-)

  38. momo: fino a poche settimane fa Alberto Angela conduceva ‘Ulisse’ su rai3, forse lo fa ancora.

    MiConsenta: 1) secondo una leggenda metropolitana, le ragazze de ‘La pupa e il secchione’ (che è lo stesso format di ‘sta roba qui: http://en.wikipedia.org/wiki/Beauty_and_the_Geek) fanno finta di essere ignoranti. Perchè il pubblico abbia bisogno di show simili, mi sfugge.

    2) Sul ‘cosa fare stasera’, suggerisco di acquistare in edicola (o di chiedere a un amico, se sei malato) National Geographic. Costa 4.50 euro, che non sono pochi, ma vale la pena. Oppure puoi dare un’occhiata a nationalgeographic.it.

    3) Non dico che Berlusconi sia l’unico responsabile di tutti i mali del paese. Mi pare però evidente che certi programmi di bassa lega, tipo quelli della De Filippi, sono nati prima sulle sue televisioni, e poi sono stati copiati dalla rai. E’ vero, vanno in onda perchè il pubblico li segue. Io no, e ne sono fiera.

  39. Beh abbiamo gia’ detto a proposito del bisogno…

    Normalmente avere a che fare con chi si palesa (più o meno artatamente) “piu’ tonto” di noi, può anche dare il via a quel complesso fenomeno interiore di “alleggerimento” e poi di “potenziamento” che puo’ anche portare ad uno stato alterato tendente al delirio di onnipotenza.

    Semplicemente: diverte e/o consola poter avere l’illusione che esistano davvero tali “oche”…. o tali “sfigati”……

    Dovrei dire che “POTREBBE ANCHE divertire e/o ringalluzzire” perche’, fortunatamente, non tutti sono/siamo cosi’….

    Ma il “trucco” alla base del format, dovrebbe essere questo, se trucco c’e’ (tette e culi a parte, ovviamente).

    Come ho gia’ detto….. i miei “due centesimi” sulla vicenda sono ben chiari: nemmeno tutta la defilippiana potenza (unita alla berlusconiana “malvagità”) avrebbero potuto spingere cosi’ tanto, e restare commercialmente appetibili, format di questo tipo se il pubblico non fosse stato “preparato” gia’ da prima a riceverli….

    La colpa dovrebbe essere del “calo dei valori” di cui siamo un po’ tutti responsabili… specie quelli che, magari anche giustamente, si ritengono “diversi” e “superiori”… me per primo (per il “diversi”)…..

    Sono le piccole cose, DI TUTTI: la precedenza (in auto,moto,a piedi, alle casse dei supermercati, ect…), la “furbizia” (nel “non vedere”, strategicamente certe cose, etc..), le piccple grandi “astuzie da sopravvivenza quotidiana” che, alla fine (a furia di erodere spazi di liberta’ altrui erroneamente percepiti come “liberi”) ci hanno, TUTTI, imbarbariti e hanno preparato il terreno a tutto questo..

    Ai politici, di destra o sinistra, incapaci (nel migliore dei casi) o corrotti (nel peggiore e, sembrerebbe, ormai quasi più comune), alla situazione generale, alla mala istruzione, alla mala tv…. a tutto…

  40. Senti caro, dire che siamo tutti responsabili del calo di valori mi sembra un tantino esagerato e qualunquista. Io e i miei familiari non siamo perfetti, ma abbiamo sempre cercato di comportarci con intelligenza e rispetto. Dai un’occhiata a http://forum.malvestite.net/ e troverai tante persone che valutano sè stesse e il mondo con occhio critico. Per cui, per favore, parla per te.

  41. Cara Adriana mi piaci sempre più ^_^ !!

    @MiConsenta: i valori che questa società italiana sta perdendo quali sarebbero, di grazia? forse questo imperversare di iosonorigginalità li ha cacciati, i valori, dall’eden? Mah, dubito. Trattasi invece, nel mio modesto parere, di persone o lobotomizzate da una totale mancanza di curiosità (può succedere in un ambiente poco stimolante ed elastico) o assuefatte dai modelli blisterati proposti. Ma sempre e comunque l’euro, che non puzza di certo, ne è complice. Precariato poco salariato: ecco il problema.

    Poi ne scriverò a riguardo: è stato proprio per dare agli “italiani” tv entertainment senza impegno* (e gratis, si presume) che è nato il progetto oggi chiamato mediaset. Alleggerendoli da altre, gravose, questioni…

    *cfr. tette, culi, donne pseudo-sceme, uomini tamarro-ignoranti, comicità di bassa lega, puzzette, papi.

    baci,
    Momo

  42. Il problema dei soldi sottolineato da momo non è da poco. Il cinema è ancora fattibile, ma andare a teatro o ad un concerto purtroppo non è più alla portata di tutti. Per vedere la tv invece basta pagare un centinaio di euro all’anno – secondo me è comunque un furto per la roba che ci propinano, ma sono di parte. Inoltre, se uno fa fatica ad arrivare alla fine del mese, è più probabile che spenda in libreria o nei negozi di alimentari?

  43. La maleducazione e la mancanza di rispetto per il prossimo sono alcuni di questi vizi.

    Non hanno bandiera, o fede politica, non sono stati creati da Mediaset o da Berlusconi.

    Io li vedo, quotidianamente, un po’ ovunque… Io stesso a volte non mi accorgo nemmeno, anche se cerco di fare attenzione, oltre che a me stesso, anche agli altri, anche e soprattutto partendo dalle piccole cose.

    Non sempre ci riesco, ma almeno mi pongo il problema. Non mi trincero dietro le questioni politiche o i problemi economici: l’attuale situazione non è comunque facile per nessuna persona normale. A Maggior ragione: se ci sono delle difficoltà sarebbe meglio mettere da parte certi atteggiamenti e sforzarsi di rispettare un poco di più gli altri, così da rendere la vita di ogni giorno un po’ meno tesa….

    Non pretendo di star passando problemi seri, per fortuna, e non me ne vanto nemmeno ( il merito e mio e delle persone vicine a me, in quanto ci stiamo dando da fare, senza nulla togliere agli altri, ma anche senza stare sempre a lamentarci e a prendercela col “Governo ladro” solo perchè riflette un “colore” che non è nostro).

    Non sto affatto dando dei “maleducati” a tutti, e non c’entra nulla il fatto che includa me per primo in un ipotetico discorso, perchè NON è questo quello che voglio e che ho voluto dire, comunque!

    Sto solo dicendo che in giro si sta diffondendo troppa sterile polemica, troppa “leggerezza”, per poter solo ed esclusivamente addebitarne ogni causa sempre “agli altri” (meglio se sono persone che non ti stanno simpatiche o “avversari” politici).

    Tutto qui. Chi cerca di “cavalcare” certe posizioni semplicistiche mascherandole con abbondanti dosi di anti-Mediaset-ismo o anti-Berlusconi-smo non fa un gran favore all’Italia e non rende un trattamento di certo migliore all’intelligenza degli Italiani (quella stessa che, invece per puro caso, dovrebbe essere costantemente insultata da ogni idea od azione da parte dei “soliti noti”)

  44. @MiConsenta: “Chi cerca di “cavalcare” certe posizioni semplicistiche mascherandole con abbondanti dosi di anti-Mediaset-ismo o anti-Berlusconi-smo non fa un gran favore all’Italia e non rende un trattamento di certo migliore all’intelligenza degli Italiani” questo dice tutto e niente.
    Lo spirito polemico è buona cosa, la curiosità è buona cosa e una visione obiettiva pure.
    Posso ritenere una rete un cattivo esempio? è lecito.
    nessuno si lamenta del “governo ladro” o dice che dai del maleducato a qualcuno..perchè parti prevenuto? non è il caso, il tuo spunto di discussione è valido.
    Purtroppo…sono troppo in pochi a porsi questi quesiti. Un altra piaga sociale? il Leccaculismo, perdonate la ricercatezza, un valore che ci ha lasciati è proprio la Dignità.

    Ma Momo sta diventando troppo seriosa…dai che hai ancora il due come decina ^_^ , su momitolo, sei ancora una giovinetta…

    appunto =_= ugh.

    Gomitoli per tutti.
    Momo

  45. Momo: Te lo dici da sola? :-P

    Volevo complimentosarti un po’ io ;-), ma hai fatto tutto da te…. ;-)

    Non partivo per/prevenuto! Tant’è che ho specficato con pacatezza :-)

    Diciamo che sono stato frainteso, forse anche in parte per colpa mia, e allora volevo chiarire.

    Ho avuto come l’impressione che qualcuno, forse anche a causa del piccolo fraintendimento di cui sopra, avesse come dire… beh preso di mira il mio essere “dell’altra parte”…. tutto qui…

    Sai… il discorso “mediaset + defilippi”= “origine di quasi tutta la volgarità in tv, come unico e (neanche tanto) recondito scopo, alla fine, di rincretinire tuttti gli Italiani, abbagliati, dal “miraggio del costo zero” della tv commerciale (o rattristati dalla temperie di crisi)”

    Beh quel discorso li’, (ma magari ho frainteso anche questo – detto senza alcuna ironia – ) non mi sento di poterlo condividere, non tanto per difendere la mia “parte”, quanto piuttosto perchè non credo che affronti il problema delle bimbominkiate in maniera globale… è uno delle cause, ma contemporaneamente è anche uno dei sintomi e non è appannaggio sicuramente di una unica parte…

    Senza dubbio coloro/essi che indichi hanno le proprie responsabilità, ma indicarli come l’origine del tutto, forse forse è eccessivo…

    Un po’ di idiozia, magari autoironia, sia pure satira, qualche scorcio di tette e culi, qualche cretinata di quelle “superlight” da “cervello spento” non puo’ causare seri danni a persone “normali”… sicuramente non contribuirà all’innalzamento culturale, ma di sicuro potrà alleggerire un po’ l’atmosfera (e non si tratta di distrarre dai problemi importanti, ma solo di tirare un minimo il fiato per essere poi un poco più rilassati per poter affrontare le difficoltà). Non certamente vale per tutto il ciarpame che, costantemente, è in tv oggigiorno.

    Proprio per questo, non posso convenire: perchè non penso che la maggioranza degli Italiani sia così cretina da farsi ridurre in codesto modo, a tradimento, nemmeno da una dose elevata di tette, culi, papi &compagnia bella… c’e’ ben altro, prima, insieme e oltre… c’e’ una predisposizione, un qualcosa… che rende attaccabili…. anche se, onestamente, l’invasione di trash è a livelli assurdi…

    Come non ritengo corretto che si possa affermare contemporaneamente che le tv commerciali (solo quelle di un certo gruppo, ovviamente) sono sia macchine per fare soldi (questo lo credo ed, in teoria e nel rispetto delle leggi, questa dovrebbe comunque essere una funzione di dette aziende), sia spietati strumenti per il controllo della mente con beceri e miseri obiettivi politici (caratteristica, quest’ultima, assai difficile da mettere in pratica vista la primissima premessa e visto che richiederebbe un “modus operandi” ed un apporto di denaro che, specie in tempo di crisi, finirebbe irrimediabilmente a “fare a pugni” con la logica dellaconvenienza economica di cui poco sopra).

    Per il resto non potrei vivere con la terribile responsabilità di aver gravato su un thread così infinitamente giocoso e lolloso, specialmente dedicato ai/le bimbominkia/e/i/o/u… :-P

    Quindi tasso e chiudo…. per stasera!!! :-P

    Buonanotte!!!

  46. Che gli italiani abbiano una certa predisposizione a farsi infinocchiare mi sembra chiaro. Per fare solo un esempio, abbiamo compatito i Savoia fino al ’46, e non contenti qualche anno fa ce li siamo ripigliati. Vi ricordate la letterina di Filiberto che chiedeva l’indennizzo? Credo che in qualunque altro paese l’avrebbero rispedito a casa sua, noi ci abbiamo riso su e buonanotte.
    In altri paesi i ministri hanno il buon gusto di dimettersi se sono indagati o vengono condannati per dei reati (anche di relativa gravità), qui fanno gli offesi.

  47. La letterina era del padre, sono quasi sicuro…. (quello con baldracche, fucili e sacchi di droga sempre nel bagagliaio, per intenderci…..) :-P

    Essere indagati e venire condannati sono due cose molto diverse, pero’, ricordiamocelo… con le “anomalie” che accadono qui da noi (anche in questo ci distinguiamo dagli altri, si badi bene, va detto per completezza ed onestà intellettuale) dimettersi non appena viene diffusa una notizia stampa di questo tipo, onestamente, sembra un filino esagerato… quello che dico vale per qualsiasi parte politica, sia chiaro, visto che di avvisi di garanzia (almeno di quelli correttamente redatti e notificati ai sensi di legge, possibilmente, prima all’interessato e poi, magari, alla stampa) direi che tutti i partiti (tranne pochissime eccezioni – mi viene in mente la Lega, forse – ) hanno una gran collezione…. e quanti di questi, sempre dicendolo per par condicio e correttezza da ambo le parti, si sono rivelati fondati?

    Anche questo è un discorso spinoso assai… e di non facile trattazione… venivo a sbirciare una cosetta dell’ultima ora (non riesco a dormire causa malanno) e non ho resistito dal fare una “capatina”…. :-P

  48. Tristesse.
    I programmi Mediaset, il governo, la Virtuosa Marie-Antoinette Gelmini, il popolo italiano che si fa inchiappettare con disinvoltura, tanto è abituato a flettersi. Questi discorsi giungono proprio in un periodo in cui riflessioni cupissime sul mondo del lavoro mi hanno spinta ad includere tra i progetti a lungo termine -non troppo lungo, si spera- una vita all’estero subito dopo la laurea.
    Curioso, comunque, come da uno scambio di battute con un vivace esemplare di bimbaminkia si sia arrivati a riflessioni seriose sul futuro della nave che affonda. :-)
    (E io arrivo sempre per ultima, naturalmente…C’ho un tempismo, bagai).

  49. Va bè, chiudo qui, io e MiConsenta la pensiamo in modi tanto diversi che comprendersi non è possibile.

  50. Adriana:

    lovviamoci comunque! (in senso figurato)

    Sul Fili & company, ad esempio, la pensiamo uguale (anche se la lettera l’aveva scritta il papone).

    Sul resto è vero: abbiamo idee diametralmente opposte, ma ne discutiamo con calma enon ci offendiamo, e questo va benissimo: se tutti (specie i politici) facessero cosi’, gia’ staremmo meglio.

    Una sola cosa, non per “aver sempre ragione” (non ho questa fissazione e non avrebbe senso averla “qui”), ma per capire se almeno sui fatti ci capiamo:

    tu dici che in un Paese “normale” un esponente del governo inquisito si sarebbe dimesso istantaneamente ( sul condannato, direi che, anche da noi, dopo un poco di caos, le dimissioni arrivano comunque) e indichi questa cosa come una grande, nonchè allarmante, anomalia rispetto alle altre Nazioni occidentali.

    Secondo me hai ragione, ma la hai, IMHO, solo nella misura in cui mi includi in questa situazione di grave anomalia il “modus” in cui si viene a sapere dell’eventuale coinvolgimento di questa o quella personalità (quasi sempre, prima ancora dell’avviso di garanzia che, a volte, non arriva neppure ad essere notificato)… mi riferisco alle “indiscrezioni” giornalistiche e a tutto quello che viene prima, dopo e durante. E se ci includiamo più o meno tutta la classe politica, salvo pochissime eccezioni, nella questione.

    Ora, se non riesci a cogliere tutta l’anomalia (non che l’esistenza della “seconda parte” renda la prima meno grave, ma ne spiega almeno in parte la portata, calcolando anche che nel nostro ordinamento giuridico dovrebbe vigere il principio garantista nella forma della presunzione di innocenza & compagnia bella) E, soprattutto, se mi “dirigi” il tutto SOLO verso una determinata parte politica (il “così fan tutti” non giustifica assolutamente, ma se è un dato di fatto – come lo è – spiega che l’anomalia ha determinate ragioni e carateristiche), allora, pur rispettando le tue idee, non posso fare a meno di riconoscere che sei troppo di parte per poter almeno convenire sui dati di fatto alla base, poi, del ragionamento che, abbiamo visto, sarà comunque diametralmente opposto.

    Fine dello sperpero di spazio lolloso!!!

    Mi rilovvo, se riesco a mantenere la promessa!

    byez! :-)

  51. Ormai sono apolitica, quindi mi limito a commentare l’allucinante dialogo che ho letto lassù… Ma davvero non ci trovava nessuna differenza tra le due frasi?! Dimmi che non è vero, ti prego ç_ç

  52. ciao,
    ho letto di lovvosità e nomi familiari e mi sono permessa di fare un saltino, si può?

    ora, jules, cioè forse la mia è semplice demenza, perchè spero davvero di non essere bimbominkia, ho l’età dei datteri, ma io la differenza nelle due frasi non la vedo bene!
    se non condividi fra 23 secondi, morirai
    se non condividi, fra 23 secondi morirai

    dimmi che la differenza sta che nella prima devi condividere dopo 23 sec pena la morte e nella seconda entro 23 sec pena la morte!
    potevi risolvere la cosa cronometrando e cliccando condividi nei primi 0.5 centesimi del 23esimo secondo, dico così, a occhio…

  53. Nella prima muori a patto che tu non condivida entro 23 secondi, nella seconda muori entro 23 secondi dal momento (adesso) in cui opti per la non-condivisione.

    (Ladonia, bentrovata! Bentrovatissima!)

  54. GRAZIE JULES!
    uff…mi sento vecchia, questi ggiovani fanno le cose complicate, a miei tempi era più semplice, se non spedisci la suddetta catena a 500 persone nei prossimi 3 giorni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...