All I Want For Christmas Is…

Una -e non la meno importante- delle ragioni per cui la Titolare evita di coltivare amicizie femminili (Ibryq esclusa – ciao!) è l’ineluttabilità pre-natalizia della frase “Ti ho preso un pensierino…”, e la sconfortante vastità degli orrori nascosti tra le pieghe dell’apparentemente innocua dichiarazione d’intenti di cui sopra.

Prima che vi offendiate e rivendichiate la vostra irresistibile spinta disinteressata a donare alle persone che vi circondano, il vostro amore per lo spirito natalizio, la gioia che vi provoca il sorriso sincero di chi accetta il vostro pacchettino, lasciate che chiarisca definitivamente la mia posizione in merito: CAZZATE. Non ho mai conosciuto una di queste invasate da “è solo una cosina, un pensiero” che non fosse animata dalla biechissima prospettiva di mettere le mani sulla messe statisticamente rilevante dei Regali di Ritorno, concetto che vado ad illustrare.

Regalo di Ritorno (RdR): prodotto inevitabile della sensazione di panico scatenata in una persona che aveva comperato regali solo per morosofratelloamica al suono delle parole “ti ho preso una cosa”, se pronunciate da persone a malapena rientranti nella cerchia delle conoscenti. Di solito è un libro.

Perché sono così rigida nella mia convinzione che la pesca a strascico del RdR sia ciò che spinge l’invasata di turno a fare regalini ai tre quarti abbondanti delle iscritte al suo stesso corso di laurea? Innanzitutto, per una mera questione di tempistica: se davvero avesse a cuore soltanto la gioia natalizia di chi la circonda, il soggetto in questione eviterebbe di mettere le stesse in grave imbarazzo attraverso l’annuncio strategico di pacchettino imminente, e si limiterebbe a consegnare quanto di dovere all’ultimo giorno utile, scongiurando senza appello la possibilità di spedizione riparatoria in libreria (o equivalenti).

In secondo luogo, se davvero -come proclamano- tenessero un minimo alle persone che omaggiano, se non fossero in palese mala fede, se non stessero preoccupandosi del numero più che della consistenza del target bersagliato con la campagna regalifera, allora non farebbero regali così clamorosamente brutti e/o poco azzeccati. Non a caso, quasi sempre la consegna della sontuosa strenna è accompagnata dalla raccomandazione di non aprire nulla fino alla vigilia, perché “è più bello, daaai!” – anche la più consumata delle grassatrici natalizie faticherebbe a mantenere un’espressione neutra mentre la sua vittima le sta di fronte e scarta una biro glitterata da ottantasei centesimi il cui avvento era stato enfaticamente annunciato con settimane di anticipo.

Devo ammettere, con una punta di ammirazione, che ci vuole una faccia di bronzo non trascurabile per comperare all’ingrosso e spacciare senza rimorsi trentadue deliziose bamboline-troll o per rifilare un elasticone di stoffa con i pupazzini anche a chi ha i capelli corti; lo stesso genere di faccia di bronzo che serve, peraltro, ad accettare con un sorriso smagliante l’improbabile lucidalabbra biancastro effetto sperma e ricambiare soltanto con un abbraccio e un augurio di buone feste, avendo avuto il sangue freddo di riconoscere il preannunciato regaluccio per ciò che è in realtà – una trappola delle più infami, appunto.

Ecco, io non rientro nella categoria delle facce di merda. Sarà che sono stata educata ad evitare ad ogni costo le figure meschine, sarà che tendo ad applicare a tutti il mio criterio decisionale (“gli/le voglio un bene dell’anima, le prenderò la cosa migliore che posso permettermi, e se proprio sono al verde gli/le scriverò un bel biglietto affettuoso e divertente!”), sarà che mi vergogno come una ladra a definire “regalo” un pezzetto di incenso alla vaniglia delle dimensioni di un cappuccio da biro, sarà che vivo nel terrore di ferire i sentimenti di chi mi sta intorno, sarà che sono parecchio boccalona – va sempre a finire che spendo più in sfiancanti regali dell’ultimo momento per gente nei cui confronti finisco per provare sentimenti maligni che non in regali accuratamente progettati per gente che adoro, e la cosa non va bene per niente, né per il mio ego né per le mie finanze.

Quest’anno, devo dire, va un po’ meglio. Per ora, complice una drastica riduzione delle interazioni sociali non-desiderate, il bilancio natalizio si è infatti attestato su un invidiabile risultato di tre regali consegnati-tre regali ricevuti; resta ancora, purtroppo, un’ultima, potenzialmente rischiosa, mattinata di lezioni. Credo, in caso di pericolo, che mi limiterò a simulare una sordità intermittente, e a culo tutto il resto (cit.)
Annunci

17 thoughts on “All I Want For Christmas Is…

  1. Mi trovi perfettamente d’accordo, nessun punto manca all’appello!
    Detesto i doni con presupposto RdR (che bieco intento ç_ç), anche perchè solitamente io, se mai decidessi di farne, realizzo da me detti balocchi pro amica.
    Pupazzini di pezza idioti (con l’unico scopo di essere idioti), portatrucchi/borsette/astucci in stoffa personalizzati,biscotti, dolci più sostenuti, marmellate. Perchè la scelta di doni così “sciatti”?? Il potenziale valore aggiunto che uno stupido set 2 ombretti+ matita impacchettati KIKO o orrendi ammeniccoli domestici (detesto i soprammobili almeno quanto i mobili stessi)acuistati in batteria non potranno ami avere. Il vantaggio di non “costare”, quanto detesto la mania di quantificare in euro un regalo, e di essere consegnato rigorosamente a sorpresa. E poi chiedo espressamente di non farmi nulla: al massimo caramelle alla menta belle stantite, da vecchietta, quelle col ripieno ^_^.

    Ah, la società de consumi…

    Bacissimi
    Momo

  2. Per forza desiderano che tu apra il regalo alla vigilia, non vogliono rovinarsi il make up con sudori freddi, facce contrite e traboccanti panico per la tua reazione alla porcheria acquistata a “Tutto a 99 centesimi”.
    Sono d’accordo su tutta la linea.

  3. Sono, ovviamente, d’accordo.
    Anche se, per i miei RDR dell’ultimo momento, di solito mi butto su biscotti, tisane, e roba varia alimentare (che di solito costa più o meno come quei pensierini delle balle ma produce infinitamente più soddisfazione).

  4. nooooooo!!!!
    Jules!
    voglio sapere chi ti ha regalato il lucidalabbra effetto sperma,
    è l’ideale a cui avevo pensato per sorprendere le mie colleghe, obviously, non voglio un rdr, mi basta vedere la loro faccia disgustata e delusa!

  5. Considera che io e le mie amiche abbiamo quasi detto basta ai regali.
    L’unico che ho comprato quest’anno è per il comple della mia migliore amica (il 23), ma è veramente una stronzata (sono a corto di soldi ;_; ) e l’ho scelto solo perché l’altro giorno andando a casa sua mi ha detto “oh, sai, mi sto fissando con gli smalti!”
    Non ho mai avuto problemi di questo genere per fortuna :D

  6. Io ho risolto con i bigliettini + cioccolatino (gianduiotto!) fatti da me medesimo. Me ne preparo un tot, e li distribuisco agli sventurati ma-è-solo-un-pensierino.

  7. Ho felicemente evitato queste incombenze per molti anni, e dove lavoro ora ho sentito girare voci del tipo “domani vi porto i regalini etc etc..” .
    Ringrazierò per il pensiero in caso dovessi riceverne , ma sono sempre stata chiara su quest’argomento, i regali di merda non li faccio, non me ne frega un tubo di riceverli e basta.
    E’ una tortura quest’aspetto del natale, insieme ai pigiami da babbo natale di yamamay!

  8. Sì!! oltre a quello poi c’è anche il pigiama pantaloncino+canotta da babbo natale in vacanza ad honolulu (non conosco molte persone che dormono in pantaloncini e canotta a dicembre)

  9. Adoro essere l’eccezione.
    E sono perfettamente d’accordo su tutta la linea. Gli altri anni mi facevo vincere dai sensi di colpa, e finivo per comprare un sacco di cagate assurde… io ODIO fare cagate. Questa volta, data la penosa situazione economica, sono stata costretta a pensare a chi voglio DAVVERO fare un regalo. E li ho pensati.
    Totally worth it.

  10. Quando ricevo il cosiddetto ‘pensierino’ mi verrebbe sempre da chiedere: ‘Ma già che c’eri, non potevi sforzarti a pensare a qualcosa di più intelligente?’. Prima o poi lo dirò anche.

  11. E’ proprio lui, Jules.

    So che è difficile da credersi, ma è così.



    Il mondo è proprio sottosopra… :P

  12. Non vedo il problema. Basta deputare un cassetto/scatolone/angolo delle segrete a questi regalini uréndi, investire qualche centesimo in carta da regalo (ma anche i giornali vecchi vanno bene), e riproporli l’anno dopo come RdR. Al massimo si può usare la delicatezza di non abbinarli alla stessa persona da cui provengono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...