So Wrong On So Many Levels

A seguire, componimento scolastico ad opera di una giovanissima Titolare (circa 1997).  Notare pessimismo cosmico, esterofilia onomastica, incipiente fascinazione per il punto e virgola (purtroppo non ricambiata), improbabile moralismo d’accatto. L’impaginazione è quella originale.

LE DUE VOLPI

Due volpi entrano di sorpresa, una notte, in un pollaio; sgozzano il gallo, le galline e i pulcini: dopo questa strage, la loro fame è finalmente saziata.

Una di loro, che era giovane e ardente, voleva divorare tutto; l’altra, che era vecchia e avara, voleva conservare qualche provvista per il futuro.

La volpe vecchia diceva: “Piccola mia, l’esperienza mi ha reso saggia; ho visto molte cose da quando sono al mondo. Non mangiamo tutta questa fortuna in un giorno; è un tesoro che abbiamo scovato e quindi bisogna amministrarlo bene.”

La volpe giovane, a queste parole, rispondeva: “Io voglio mangiare tutto adesso, intanto che sono viva, e riempirmi per non soffrir la fame per almeno otto giorno. Non penso che si potrà ancora tornare qui! Il padrone, quando si accorgerà della carneficina, per vendicare i suoi polli ci cercherà e, se ci troverà, ci ucciderà.”

DOPO QUESTO COLLOQUIO, OGNUNO PRENDE LE SUE DECISIONI E AGISCE COME MEGLIO CREDE.

– La volpe giovane mangia tanto da scoppiare e riesce a malapena ad andarsene a morire nella sua tana.

– La volpe vecchia, che si crede molto più saggia, capace di moderare i propri appetiti e di fare grandi economie, decide di ritornare al pollaio il giorno dopo.
Il giorno dopo la vecchia volpe, di nome Jan, tornò al pollaio e vide che il padrone, che si chiamava Ugo, l’aveva aspettata.

Non potendo entrare nel pollaio, Jan tornò alla tana.

Là trovò l’altra volpe, chiamata Jimi, che stava male, avendo mangiato troppe galline.

Jan le disse: “Jimi, dobbiamo riuscire ad arrivare alla Grande Torre del mago Fox, che ci accontenterà”; e si misero in viaggio.

Arrivate alla Torre, chiesero al mago Fox di aiutarle, ma lui si rifiutò e le due volpi morirono poco lontano.
MORALE: CHI TROPPO VUOLE NULLA STRINGE, MA NON BISOGNA NEANCHE ESSERE TROPPO AVARE.

La cosa peggiore, forse, è che la prima parte (fino a “ritornare al pollaio il giorno dopo”) l’ha scritta la maestra.

Annunci

11 thoughts on “So Wrong On So Many Levels

  1. Sbaglio, o la prima riga dice che la fame era saziata ed il resto del componimento discute su come saziare la fame?

    Notevole però una bambina delle elementari. Io all’epoca cercavo di essere un giovane debosciato e drogato, senza nemmeno riuscirci poi :-)

  2. Praticamente la storia della cicala e la formica, però con le volpi.. un classico pensierino tipo ‘La mia domenica ideale’ non andava bene, eh?

  3. Spero ardentemente che negli anni il tuo gusto onomastico si sia sviluppato in altre e migliori direzioni.

    (però mi piace un sacco il finale disfattista in cui muoiono tutti ♥)

  4. NB: Io noterei anche l’uso del presente storico abbandonato dopo il primo capoverso. Grazie di essere cresciuta, in primis a livello stilistico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...