Sanremo, coi cosi internazionali

20.42: Stasera ci risiamo.

20.43: Ci risiamo quanto può esserci una che ha appena, lentamente, versato un decilitro abbondante di acqua fuori dal bicchiere.

20.44: Ma che perlomeno non siede su un Sofà Giuggiolo.

20.46: Inizia!

20.47: Lasciate stare Sinatra, maledetti.

20.48: Oggi ero a lezione e il mio vicino ha sentito l’esigenza di erudire la mia vicina riguardo la supposta coprofilia di Morandi.

20.49: Con l’ausilio, ça va sans dire, di Yahoo! Answers.

20.50: (Farlo cantare senza pretendere che conduca alcunché è un’idea molto riguardosa nei suoi confronti, anche se rovina un po’ il potenziale d’intrattenimento della cosa)

20.51: La sera che Morandi ha vinto il suo unico Festival, è crepato Claudio Villa.

20.52: Parlando di Claudio Villa, mi piace ricordare come il suo cognome, che poi è il mio, fosse in realtà un cognome d’arte.

20.53: Di suo faceva Pica.

20.54: Quanto sostanziale sia stato il miglioramento nel passaggio a Villa, be’, l’ha deciso la storia.

20.55: Forse.

20.56: Intanto ci mostrano clip di chi non è sopravvissuto alla gara “cruenta” di ieri.

20.57: (E pensate cosa potrei fare, io, dalla base onomastica da cui già parto)

20.58: Ah già, gli stampati.

20.59: Quella con la faccia di pongo, il ragazzetto, la sciroccata e quelli unti. Ok.

21.00: L’orafo di Crotone.

21.01: Bene così.

21.02: Papaleo mi imbarazza troppo affinché io lo riesca a commentare.

21.03: “Dammi una camera (ammobiliata, possibilmente)” [RISATONE]

21.04: Piccoli riferimenti a Berlusconi che evidentemente era troppo faticoso espungere dai monologhi precotti.

21.05: “C’era una volta il vest”

21.06: Chiara Civelli e Shaggy e la surrealtà.

21.07: Shaggy sta facendo Mr. Bombastic.

21.08: “Bene, questo era Sagghi. Ora arriva Pino Donaggio. Spero”

21.09: Shaggy annusa la Civelli. Poi rantola.

21.10: Non so, causa-effetto.

21.11: Oddio, l’imbarazzo. Riparte lo stacchetto bombastico, le tocca il culo. La droga. Smettete. Fa male. Subito.

21.12: “Io che non vivo neanche un’ora senza te” “That’s right!” “Come posso stare una vita senza te” “Say yeah!” “Sei mio” “YO!” “Sei mio” “YO!”

21.13: shaggy perde bamba e minorenni dalle orecchie [Elvis Ramone su FF]

21.19: “E il secondo è veramente un grande artista. Balcanico!”

21.20: Bersani e il balcanico.

21.21: “Forse la canzone più eseguita nelle balere italiane”

21.22: Romagna mia!

21.23: Allora, io è vent’anni che vado in vacanza a Riccione.

21.24: Ventidue.

21.25: Se me la rovinano, li muoio.

21.26: Le coriste (pics will follow)

21.27: A Bersani gli levano il passaporto romagnolo.

21.28: Morandi legge ostentatamente sul gobbo le ascendenze del balcanico.

21.29: adesso facciamo l’incidente diplomatico, lo sento [Antonella su FF]

21.30: Ero vissuta finora nella felice convinzione che “musica balcanica” e “sopracciglia maschili ad ala di gabbiano” fossero concetti autoescludenti.

21.31: Sbagliavo.

21.32: Tra gli interpreti di Grande grande grande Morandi ha appena citato Charles De Gaulle.

21.33: (Nina Zilli e Skye, comunque)

21.34: Bell’acconciatura, la Nina. Adesso entra Perseo e le taglia la testa [Tamas su FF]

21.37: Chiediamoci per un secondo cosa stia pensando Skye di tutto questo.

21.38: Del Festival in generale, della tizia che le canta insieme, di Papaleo che fa il simpa.

21.39: No, ecco, cosa pensava di Papaleo che faceva il simpa s’è visto.

21.40: Sono brevemente morta di parola tedesca.

21.41: “E non era lei a cercare il sole, lo trovava per terra”

21.42: Il copy della campagna Eni:

21.45: Matia Bazar e Al Jarreau e l’assenza ingiustificata del fonico.

21.46: il momento di austerity del paese si vede anche dal fatto che è un po’ che i matia bazar non cambiano la cantante. [franci su FF]

21.47: “Ma parlaw più pianow.”

21.48: Il tizio colla barba fa il verso all’accento di Jarreau.

21.49: Antipatico.

21.50 “il maestro vessicchio ha preparato un arraggiamento particolare. you can sing if you want. it’s a gift. for the italian people. sing!”

21.51: Jarreau non capisce, ma esegue.

21.54: Emma e Gary Go, che in tutta onestà non so chi diavolo sia.

21.55: “ma la versione di inglese invece arrivò alla testa della classifica in Inghilterra”

21.56: Gherigò è Groucho Marx senza i baffi.

21.57: Al posto dei baffi gli han dato le lenti rosa degli occhiali.

21.59: Gli ha fatto cantare la sua canzone.

22.00: Ho capito chi è.

22.01: Finalmente posso dare una faccia retroattiva all’odio.

22.02: Oddio i siparietti involontari col cieco. Oddio non posso ridere. Oddio. E’ l’unica cosa buffa dall’inizio della settimana. Oddio.

22.03: Rispettosi applausi di diversa abilità.

22.04: Non mi ricordavo della voce da piffero di Arisa.

22.05: E’ una di quelle cose che il cervello rimuove per autotutela.

22.06: Feliciano lo vedo bene. Non si notano neanche le tracce dell’esumazione. [Tamas su FF]

22.08: Il segreto della voce di Arisa è tutto nella postura.

22.11: Sono le dieci e dieci e io non avevo così sonno dal 1992.

22.12: Fu ricchiamatto in America.

22.13: Quest’anno usa adeguarsi all’accento dell’ospite internaciònal

22.14: A dito va nel Vietnam, a spara a Vietnam.

22.15: “Grassia Italia, grassia! Leonardo, tambien. Grassia!”.

22.16: È probabile che Feliciano l’abbiano ritrovato in un magazzino dell’Ariston mentre stavano cercando la macchina del fumo. [Paolo Ferrandi su FF]

22.20: Ma Morandi quant’è, un metro e cinquanta-un metro e cinquantuno?

22.21: La raffinatezza ergastolana del tatuaggio sul collo della Pellegrini.

22.22: “Mi hai detto… cioè ho letto da qualche parte… che tu, solo quando balli… vuoi ballare con me?”

22.23: La Pellegrini parla italiano peggio di Feliciano.

22.24: Morandi intanto la palpa, e le tiene una breve paternale sui tatuaggi.

22.25: Ancora un paio di etti di cazzi tuoi, Fede, per favore.

22.26: Davvero.

22.27: “O magari che si rompa il costume, cosa che capitava spesso, soprattutto con i vecchi costumi… magari erano contenti gli spettatori, eh he he”

22.28: No.

22.29: La mamma. Ciao. Simpa uguale.

22.30: Io ve lo racconto, e voi siete liberi di non crederci.

22.31: Allora, c’è Morandi e c’è la tizia.

22.32: Con degli occhiali da sole spiritosi (not)

22.33: Che ballano circondati da gente con giacche a tesserine dello scarabeo.

22.34: Sulle note dei Black Eyed Peas.

22.35: Saltando sul posto.

22.36: Poi le han portato dei fiori ed è partita la pubblicità.

22.37: Vi mentirei?

22.38: Renga e Dalma.

22.39: Dalma è l’architetto brizzolato-fighetto che mi teneva il gomito nel fianco per leggere meglio il giornale stamattina in metro.

22.40: Inoltre ha passato tutta la strofa di Renga ad esibirsi nell’imitazione di questo meme qui.

22.46: Mi sono assopita brevemente, poi ho riaperto gli occhi e c’era quello che piangeva.

22.47: Non so cosa dirvi.

22.48: “Fammi vedere come metti la bocca tu” “Ecco, a proposito, io non ho niente contro i gay, io adoro i gay”

22.50: (Grazie jAsOn)

22.52: Dalla è venuto con due ragazzini, di cui uno danese, e cantano una non meglio precisata canzone napoletana.

22.56: I componenti di questo trio hanno la peculiarità di essere tutti più bassi di Morandi (a memoria d’uomo, è la prima volta).

23.03: Ora ci sono Irene Fornaciari e Brian May e un troione biondo a me ignoto, ma poi torna la Berté. Quindi resisto.

23.04: Magari chiudo gli occhi cinque minuti.

23.19: Cura Ludovico.

23.21: PATTI SMITH.

23.22: Non mi ricordavo.

23.23: Non voglio.

23.24: Ah, quell’altra là ha detto “Morriccione”.

23.25: [Rispettoso silenzio per Patti]

23.27: ora in scaletta ci sarebbe dovuta essere la berté. si aprano le scommesse: ha incendiato l’albergo? ha menato il sindaco? [franci su FF]

23.29: Dedica al marito morto. Uff.

23.30: Perché il marito, e non i Marlene Kuntz in blocco? Eh?

23.31: Poi dice una è atea.

23.33: “Il prezzo che hanno scritto insieme con Brun Sprinti”

23.50: Scusate, ero agghiacciata.

23.51: questi tre è dalle dieci che giocano alla roulette calabra. Si fa con l’amaro del capo e una pistola. [Achille su FF]

Annunci

4 thoughts on “Sanremo, coi cosi internazionali

  1. Il mio sanremo ieri sera:
    ho acceso e c’erano morandi e la pellegrini: ho cambiato canale. (what else?)
    Torno dopo e c’era Patty Smith: ok Patty Smith va bene, con chi?… Marlene Kunz? ok.
    L’ho guardata per rispetto dei tempi che furono ecc..ecc… Va beh che non era bella manco a 20 anni, ma davvero : lì, con quel completo da uomo sembrava pippo franco con la parrucca.
    Finita la performance, finito il mio sanremo.
    Suzywong

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...