Polonia, 6

22.21: entro in camera.

22.23: in camera ci sono Alessandro, il Marco e un canadese che discutono della nostra vita sessuale.

22.24: nostra nel senso di mia e di Alessandro.

22.25: più che «discutono», «progettano».

22.26: esco dalla camera.

22.28: in cucina, a nutrirmi di briciole di tortilla.

22.31: il canadese mi offre una piccola porzione di pasta cucinata da lui.

22.32: perfettamente al dente, aggiungerei.

22.33: il canadese mi porge una forchetta pulita.

22.35: il canadese mi conduce, per consumare il commovente piccolo pasto, nella propria stanza.

22.36: nella quale trovano posto, tra le altre cose, un numero adeguato di stoviglie linde e asciutte, uno scendiletto, un pacchetto di Lindor, whiskey di buona marca, lenzuola di bucato, l’unica candela profumata di aroma gradevole che sia mai stata messa in commercio.

22. 37: fugaci considerazioni sull’opportunità di incorporare il canadese nella mia vita sessuale.

22.38: o assumerlo come governante.

11.41 «oh, ragazzi ho fatto un sogno pazzesco»

11.42: ah, non era un sogno.

11.43: niente, stanotte hanno trovato un tizio asiatico riverso nel corridoio del dormitorio.

11.44: intento a lamentarsi flebilmente.

11.45: i miei amici e una di due portoghesi della stanza di fianco hanno tentato di rianimarlo.

11.46: non riuscendoci, hanno approfittato dell’occasione per scattare una serie di foto ricordo.

asian

11.47: (io nel mentre ero nell’unico posto in cui avesse senso essere, ossia il mio letto)

11.48: poi sono arrivati i tizi della sicurezza.

11.49: meno male che non c’ero, quindi, non avrei saputo come manifestare la simpatia in assenza di zerbini.

11.50: il collassato è stato sottoposto a una sbrigativa perquisizione.

11.51: che ha evidenziato il fatto che fosse stato derubato probabilmente anche delle mutande.

11.52: poi è stato deriso, credo.

11.53: e infine identificato approssimativamente e introdotto a braccia nella propria stanza grazie all’uso di un passepartout.

11.54: (come se io sapessi scrivere quella parola senza cercarla su google, tra l’altro)

11.55: una volta dentro, il soggetto ha sperimentato una improvvisa quanto intempestiva ripresa di coscienza.

11.56: ossia si è svegliato mentre il Marco gli levava le scarpe, si è convinto che gliele stesse rubando (oh the irony) e quindi voleva menarlo.

11.57: ma poi si è reso conto.

11.58: e tutto è bene quello che finisce con commosse manifestazioni di rimorso per i tentativi fiacchi di percosse al volto.

12.01: un breve riassunto della giornata di ieri: SKITTLES (ossia la ragione principale per cui occasionalmente espatrio)

IMG_9961

12.02: ze spaghetti accident (la dinamica non e’ chiara nemmeno a me)

IMG_9967

12.03: Alessandro conciato come una vedova sarda, e del vischio sullo sfondo:

IMG_996912.04: il posto (buono) dove abbiamo mangiato ieri (io ho mangiato: una patata bollita affogata nello tzaziki, per il quale questo paese sembra avere una curiosa ossessione)

IMG_996614.48: oggi andiamo alla fabbrica della birra Lech.

14.49: dove per la modesta somma di sei zloty riceveremo un apribottiglia di latta, un tour guidato dello stablimento e una pinta di –appunto– birra.

14.50: e il bicchiere in cui è servita, se ci riesce di incularlo.

14.51: il Marco è alla sua quinta visita e sulla sua mensola fanno appiccicaticcia mostra di sé solamente due bicchieri, quindi traete le vostre conclusioni.

14.52: nota a margine, a me la birra non piace e non mi interessano i bicchieri, in compenso il levatappi omaggio mi verrà probabilmente sequestrato dalla sicurezza dell’aer… areo… aero… di Varsavia Chopin.

16.04: la nostra modesta rappresentanza qui all’estero ha lo scopo di far passare quello italiano come un popolo di gente GRANDE, se non propriamente bellissima.

IMG_9971

16.05: (io, che sono ovviamente quella vestita da parcheggiatore, sono un metro e settantaquattro)

16.11: nella stanza da cui si possono osservare le operazioni di imbottigliamento, e con piglio serissimo, la guida mi ha interrogata sui dettagli delle fasi di produzione che ci aveva spiegato in precedenza.

16.12: diciamo un sei scarso, soprattutto perche’ non mi ricordavo come si dice in inglese luppolo.

16.46: per fortuna, tutto e’ bene quello che finisce con un attestato di partecipazione compilato in proprio.

IMG_9973

16.47: nota: tornata in Italia, presentare in segreteria il certificato e tentare di ottenere in cambio dei crediti.

16.48: la birreria del birrificio, in cui i ragazzi giocano a calcetto e si dividono anche la mia birra.

IMG_9975

16.49: stasera festa di compleanno (?), domani partenza e ritorno alla madrepatria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...